Tutti i runner – o aspiranti tali – seguono un programma di allenamento che, per quanto diversamente duro possa essere, secondo gli obiettivi che ciascuno si pone, è pur sempre un impegno e può diventare fonte di stress.

Certo, quando i risultati arrivano, molta della fatica è ripagata. Ma un modo per evitare ogni rischio di affaticamento mentale, prima ancora che fisico, c’è. Basta, accanto al dovere, non farsi mancare il piacere.

E quale maggior piacere per un runner appassionato di concedersi il lusso di un allenamento fuori-programma?

stretching 3

Siamo andati sul Naviglio Martesana, detto anche Naviglio Piccolo, un percorso ciclabile che inizia in via Melchiorre Gioia e si estende per trenta chilometri passando per i comuni di Cologno Monzese, Vimodrone, Cernusco sul Naviglio, Cassina dei Pecchi, Bussero, Gorgonzola, Gessate, Inzago e Cassano d’Adda. Qui, in una gelida ma splendente mattinata di Gennaio, ci siamo regalati una corsa 100% total-free, senza orologio né obiettivi, alternata a qualche esercizio a corpo libero, utilizzando quello che un parco cittadino mette a disposizione.

Scoprite nella gallery il nostro work of day: un allenamento per runner di tutti i livelli, adatto anche a chi vuole cominciare a correre. Non vi resta che indossare berretto e guanti, allacciare le scarpe da corsa e cominciare!

Qualche minuto di allungamento attivo prima di cominciare. Il freddo è nemico di caviglie, anche e ginocchia, per questo è necessario fare un po’ di riscaldamento iniziale. In questa fase servono controllo dei movimenti, consapevolezza di sé e concentrazione sulla respirazione.

corsa

Cominciare a correre a ritmo lento, dedicando i primi minuti a scaldare e allungare il respiro. Aumentare progressivamente la velocità, senza però perdere il focus sulla respirazione e sul piacere di correre in libertà.

prove pratiche di equilibrio - pliometria fai da te

Il bello di una corsa 100% total-free, senza orologio né obiettivi, è proprio la mancanza di regole. Utilizziamo un classico panettone (qui decorato in maniera creativa) come una sorta di tavoletta propriocettiva: ci misuriamo in un esercizio di equilibrio, utile per educare (o rieducare) i recettori meccanici del piede e per rinforzare le caviglie.

Variare il ritmo della propria corsa può essere un esercizio molto allenante. In mancanza di salite e discese all’orizzonte, una valida alternativa sono i gradini. E proprio in prossimità dell’anfiteatro della Martesana, ecco la scalinata che fa al caso nostro. Da fare su e giù, di corsa, quanto basta!

stretching 4

In chiusura non può mancare lo stretching finale: al termine dell’allenamento le gambe sono più calde e per questo è anche possibile allungare di più.

Cristina Piccinotti


Sport Uomo 468x60

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.